Ogni giovedì

“Ogni giovedì” è un progetto di archeologia contemporanea che mira alla documentazione della materialità femminile nella vita quotidiana durante il periodo di
quarantena imposto dal governo Italiano come misura di contenimento dell’epidemia di Covid-19.

Dallo scoppio della pandemia di coronavirus una serie di avvenimenti ha cambiato profondamente la vita di tutte le persone residenti sul territorio italiano e non solo. L’emergenza ha varcato la soglia delle nostre case, causando un impatto importante sulle nostre abitudini e sulla costruzione del quotidiano. Le misure di distanziamento fisico e sociale hanno portato alla risemantizzazione dei confini dello spazio domestico, ponendo l’accento sulla materialità delle barriere rappresentate dalle mura di casa. In questo scenario, la libertà di azione dei corpi è limitata e la routine quotidiana trova nuove forme di espressione, nuovi percorsi e nuovi soggetti.

Il progetto si basa sull’osservazione partecipante di un focus group di donne eterogeneo per età, professione, distribuzione geografica nelle diverse regioni italiane. La raccolta dati è stata avviata il 12 Marzo 2020, all’attuazione del confinamento, per concludersi il 25 Giugno 2020, dopo l’allentamento di molte misure restrittive. Il progetto ha riunito voci femminili costruendo un racconto collettivo della quotidianità al tempo della pandemia. Le partecipanti hanno contribuito compilando settimanalmente una scheda in cui raccontano le attività, la materialità e le emozioni che dominano e scandiscono le loro quarantene, per un periodo di 16 settimane.

Le informazioni raccolte sono in fase di elaborazione attraverso un sistema di annotazione semantica ne permette l’interrogabilità, l’analisi e la visualizzazione. La mappatura del rapporto human-non human all’interno di un nuovo concetto di confine, relegato forzatamente allo spazio domestico, fa emergere dati interessanti: sul valore e il ruolo degli oggetti e della loro agency; sulla correlazione e interconnessione tra oggetto, sfera fisica e sfera emotiva; sulle molte sfaccettature della materialità, della loro percezione, della percezione di genere.
“Ogni giovedì” è un progetto archeologico che fornisce molti spunti di riflessione teorico- metodologica, ponendo sfide nuove sulla lettura e documentazione degli oggetti contemporanei come traccia materiale di un contesto temporale tanto complesso quanto fluido. E’ altresì un esperimento di narrazione corale che va oltre i confini tempo-spazio dell’esperienza del lockdown, dove gli oggetti del quotidiano raccontano a loro volta della cura di sé, del lavoro, del tempo passato con le persone amate e delle memorie personali.

Credits: Anna Migliorini
Credits: Francesca Martinelli
Credits: Annalisa Causa

Progetto a cura di:

Francesca Anichini francesca.anichini@unipi.it

Claudia Sciuto  claudia.sciuto@cfs.unipi.it

X